Nelle prime serate piovose una pitta a modo mio: zucchini, pomodorini e tonno.

IMG_20130910_202154Avevo detto che sarei presto tornata con una ricetta! E questa volta partiamo con un salato … finalmente dirà qualcuno!!!

Ieri qui era una serata tipicamente autunnale, pioggia, temporale e un’arietta quasi frescolina, senza contare l’ombra e il buio che giungono sempre prima. Ma in tutto questo clima non più estivo la mia mente si è come ribellata! Mi sono ritrovata nel bel mezzo degli uliveti salentini, dove passavamo innumerevoli volte quest’estate, senza mai incontrare anima viva, ogni tanto giusto un trattore e qualche carretto di frutta e verdura.

Beh, con tutte queste immagini e ricordi vacanzieri mi è venuta una voglia smodata di preparare qualche piatto tipico di quei posti meravigliosi e, non avendo molto tempo a disposizione, ho deciso di optare per la pitta di patate. Trattasi di una specie di sformato, molto simile al più noto gateau, anche se alcuni sostengono sia un parente prossimo della pizza delle origini, insomma uno di quei geniali “piatti che nascono da ciò che si ha in casa“; unica particolarità è che viene confezionata a strati e non mescolato tutto in un unico composto. Ingredienti base, ovviamente, sono le patate, uova e, purtroppo per me, formaggio; tutto il resto segue il tempo, lo spazio, i gusti e le stagioni … anche se la versione classica prevede pomodoro, formaggio, olive e capperi!

In questo caso oltre a non esserci latticini (per ovvi motivi diIMG_20130910_174839 sfigaggine mia!!!) ciò che forma il ripieno è composto dalle zucchine, ormai agli sgoccioli, dai pomodorini e dal tonno sottolio (mi raccomando che sia possibilmente a tranci e di buonissima qualità).

Per quanto riguarda le dosi (e la ricetta viene direttamente da una famiglia di nostri amici), la mia versione è calcolata per 2/3 persone ma, l’importante è seguire le indicazioni per l’impasto di patate (meglio usare quelle non troppo farinose, insomma le classiche da purè o gnocchi  per intenderci), per il ripieno più o meno meglio seguire il vostro occhio … e gusto!!!

Pitta di patate con zucchine, pomodorini e tonno

IMG_20130910_202359Ingredienti (dosi per 2-3 persone):

  • 800 gr di patate
  • 1 uovo di media grandezza
  • 1 cucchiaio di farina 00
  • 3 zucchine chiare non troppo piccole
  • 10 pomodorini maturi
  • 1/2 scalogno (o 1 spicchio d’aglio)
  • 1-2 tranci di tonno sottolio
  • q.b di pangrattato
  • q.b di olio evo
  • q.b di sale
  • q.b di timo, origano, maggiorana

Iniziate facendo bollire le patate (acqua fredda e dal bollore calcolate circa 20 minuti). Nel frattempo prendete una teglia (io ho usato uno stampo da 20 cm di diametro) ungetela e spolverizzatela di pangrattato. Pulite e tagliate le zucchine a rondelle, i pomodorini a metà e fateli saltare in padella con lo scalogno e i vari odori. Cuocete il tutto per circa 15 minuti a fuoco vivace cercando di lasciare alla fine un sughetto non troppo asciutto. Una volta cotte le patate, sbucciatele (e qui c’è da rimetterci la sensibilità dei polpastrelli) e in una ciotola schiacciatele grossolanamente, con una forchetta sarebbe meglio, anche perché mi hanno detto espressamente che “la patata un po’ si deve sentire sotto i denti”. Unite alle patate, l’uovo sbattuto, la farina, una presa di sale e amalgamate bene … volendo anche con le mani se il tutto non è troppo ustionante!!! Ora prendete circa metà dell’impasto e foderate il fondo della teglia, cercando di livellarlo bene. Proseguite mettendo il sughetto con le zucchine e poi il tonno spezzettato, il tutto cercando di lasciare un bordo di circa 1 cm. A questo punto ricoprite il tutto con il resto delle patate, livellate, spolverizzate con una presa di pangrattato (e per chi può qui ci andrebbe qualche fiocchetto di burro o del parmigiano) e infine con un filo d’olio.

Cuocete la vostra pitta in forno caldo a 180°/200° (anche ventilato) per circa 20/25 minuti, o almeno finché non si è dorata uniformemente. Sfornatela e servitela tiepida, magari accompagnata da un bel contorno di verdure o una semplice insalata.

Tutto qui, molto facile e molto buono! Quindi provate e fatemi sapere 🙂

A presto

Annunci

6 thoughts on “Nelle prime serate piovose una pitta a modo mio: zucchini, pomodorini e tonno.

  1. anche il temporalone che mi ha sorpresa mentre con le ballerine uscivo di casa per andare a cena con due colleghe non mi è proprio piaciuto ieri!!! 🙂
    avrei dovuto stare a casa a fare la tua ricetta che mi piace tanto , ma tanto, ma tanto!!!

    • In effetti questo è il classico periodo in cui esci di casa vestita in un modo e poi scopri che non ci indovini proprio mai … 🙂

  2. Da Pugliese verace, non posso esimermi dal gustare con piacere questa simpatica variante della fantastica pitta/gateau che dir si voglia: la sostanza può solo essere buonissima!😊 BRAVA!

    • Da pugliese verace sei super ben accetta in questo angolino culinario 🙂
      Mi sa che avrò solo che da imparare da te!!!
      Benvenuta e a presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...