Pagnotte di zucca con curcuma e semi.

IMG_20131111_170133Arriva il freddo che tanto avevi atteso ma a cui ancora non sei ben preparata; i vestiti si son fatti più spessi e pesanti sì, quello certo, ma il tuo corpo sembra che accusi sensibilmente queste temperature al ribasso in così poco tempo.

Ti senti quasi come uno di quei fiori che sbadatamente, e ingannati dal sole di pochi giorni fa, son sbucati fuori nei campi, e convinti fosse già la loro stagione hanno fatto sfoggio di tutti i loro colori, per poi però ritrovarsi totalmente spaesati tra le notti ormai prossime alla gelata!

Urge quindi correre ai ripari e preparare piatti che riscaldino il corpo, il cuore e la vista. E dal momento che ancora ho la caldaia fuori uso (mai che si guasti il 15 di giugno …), altro non mi resta che accendere il forno in qualsiasi momento a disposizione! Se poi decidi di voler anche donare un caldo e avvolgente profumo alla casa non puoi che affidarti a queste pagnotte alla zucca.

Ho cercato di fare un pane non protagonista come si potrebbe pensare, ma un discreto e valido accompagnatore gentile; per questo la ricetta si basa sulla linea tracciata da Sara Papa con qualche modifica sostanziale, ma … se avete voglia di sperimentare e immergervi nel color arancio vi mando anche da Manuela … che ne fa un uso quanto mai divino (ma a me proibito purtroppo!).

IMG_20131111_151721Pagnotte di zucca con curcuma e semi

Ingredienti (per due pani da 1 kg ciascuno):

  • Per la biga:
  • 250 gr di farina 1 (o in alternativa 0 o Manitoba)
  • 165 ml (circa) acqua tiepida
  • 1 gr di lievito di birra
  • Per impasto:
  • 800 gr di semola rimacinata di grano duro
  • 200 gr di farina 0
  • 650 gr di polpa di zucca mantovana cotta
  • 80 gr di burro di soja morbido
  • 1 cucchiaio di miele di acacia
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 1 cucchiaio di sale fino
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo
  • 1 cucchiaio di semi di papavero
  • 1 tuorlo d’uovo
  • q.b di acqua tiepida

Come prima cosa preparate la biga, meglio la sera prima. In una ciotola unite la farina e il lievito sciolto nell’acqua, impastate velocemente fino ad ottenere un panetto morbido e poi coprite la ciotola con uno straccio umido, e lasciatela lievitare tutta la notte, minimo 15 ore, a temperatura ambiente (tra i 16°-18°), nel forno spento va benissimo. Il giorno seguente miscelate le due farine e, in una bastardina, unitevi la zucca (io l’ho cotta al vapore ma volendo si può fare anche in forno) ormai fredda, passata al passaverdure e miscelata con la curcuma, la biga lievitata e il miele. Impastate brevemente e poi unite il burro morbido a pezzi, il sale e metà dei semi. Continuate ad impastare, trasferendovi su di un piano infarinato e aggiungendo un filo d’acqua (se usate un altro tipo di zucca non credo vi serva in quanto già molto umida di suo). Lavorate l’impasto, cercando di fargli incorporare aria, fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. A questo punto fate una palla, copritela con il solito telo umido e lasciatela a riposo per circa 30 minuti. Passata questa fase, dividete l’impasto in due parti uguali e formate delle pagnotte. Sistematele sopra una teglia con carta da forno, lucidate la superficie con il tuorlo d’uovo sbattuto, cospargetela con i restanti semi e fate dei tagli profondi circa 1 cm. Fate lievitare le vostre pagnotte nel forno spento, con luce accesa, fino al raddoppio del volume (circa 3-4 ore). Una volta lievitate, accendete il forno a 230°, inserendo sul fondo un pentolino o una teglia con acqua; arrivato a temperatura togliete il pentolino, inserite le pagnotte e cuocetele per 10 minuti a questa temperatura, poi abbassate a 180°/170° e cuocetele per altri 50-60 minuti.

Una volta cotte lasciatele raffreddare su di una griglia nel forno caldo leggermente aperto.

Come sempre un abbraccio e buona settimana!

Annunci

12 thoughts on “Pagnotte di zucca con curcuma e semi.

  1. Che pane meraviglioso!!! La forma è pari pari quella delpane che ho sfornato ieri sera, ma vuoi mettere il colore del tuo? E i semini???? Bello, bello, bello!!! Mi hai dato un’idea fantastica per una pagnotta diversa e saporita!
    Un bacio, anzi un bell’abbraccio così ci si riscalda….
    Tatiana

  2. Anche noi a Napoli siamo passati dalla canotta al piumino nel giro di un giorno e ci sentiamo spaesati come i tuoi fiorellini. Le tue pagnotte sono splendide tanto quanto è magica la panificazione! Un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...