Ciambella all’olio con arance intere e farina di mais

IMG_20140206_104036Una forte voglia di primavera si avverte un po’ ovunque; e questa stagione sta facendo prepotentemente a gomitate per venir fuori.

Non che la cosa mi disturbi, solo che questo precoce cambiamento mi preoccupa non poco e a dire il vero il mio fisico sta facendo molta più fatica ad ambientarsi rispetto alla natura che lo circonda. Ho ancora voglia di piatti caldi, zuppe, legumi e ortaggi e frutta invernali. Muovendomi tra i banchi del mercato il mio sguardo cade rapito su fave, asparagi e cipollotti, ma é uno sguardo in fin dei conti sul diffidente andante. E poi il mio corpo richiede ancora una dose massiccia di vitamina C.

Penso che sia per questo che quando ho visto qui, un’altro tra i miei blog preferiti, questo dolce non ho aspettato un attimo a farlo. E’ una torta all’arancia particolare, perché l‘arancia viene completamente frullata intera e aggiunta all’impasto così com’é. Ammetto che ero piuttosto dubbiosa e temevo che l’amaro si sentisse troppo (anche per me che con i dolci troppo dolci non vado d’accordo); e  invece no! Lo zucchero (abbastanza in effetti) bilancia il tutto alla perfezione e poi l’aroma del frutto si sente mille volte di più rispetto all’utilizzo del solo succo o scorza. Insomma è un dolce  da fare, specialmente ora che le arance sono in piena maturazione.

La ricetta era già perfetta così e non ho cambiato molto; mi sono limitata a sostituire una dose di farina con quella di mais fine, giusto per dargli quella consistenza leggermente croccantina che adoro nei dolci e variare alcuni ingredienti che però non allontanano il gusto dall’originale. Per lo stampo io ho usato quello da Gugelhupf … ma solo per motivi estetici, quindi nel caso non lo aveste potete tranquillamente utilizzare uno classico stampo da ciambella o una normalissima tortiera.

Ah … quasi scontato ribadire il concetto che l’utilizzo di arance biologiche e non trattate sia d’obbligo in questo caso, visto l’utilizzo!!!

IMG_20140130_090522Ciambella con arancia intera e farina di mais

Ingredienti (per uno stampo da 24 cm di diametro):

  • 250 gr di arance (per me tipo Tarocco)
  • 175 gr di farina 00
  • 50 gr di farina di mais fine
  • 250 gr di zucchero di canna fine
  • 4 tuorli d’uovo (meglio biologico e tipo 0)
  • 3 albumi d’uovo (vale come sopra)
  • 100 ml d’olio di girasole biologico (o altro olio di semi)
  • 50 ml d’acqua
  • 1 cucchiaino abbondante di cremor tartaro
  • 3/4 di cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1 pizzico di sale fino
  • q.b di zucchero a velo per decorare

Iniziate con il montare gli albumi a neve con il pizzico di sale e tieni da parte. Lavate bene l’arancia e, con l’aiuto di un frullatore ad immersione, riducetela in purea. Una volta frullata unite l’olio e l’acqua (parte liquida) e amalgamate brevemente. In un’altra ciotola capiente sbattete i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Poi, sempre mescolando unite i liquidi e, poco alla volta aggiungete la farina, il cremor tartaro e il bicarbonato (tutto precedentemente setacciato). Una volta amalgamato il tutto aggiungete le chiare montate a neve, sempre poco alla volta e con movimenti dal basso verso l’alto. Versate tutto nello stampo (già oliato ed infarinato accuratamente) e cuocete il dolce a 170°-180° per circa 50 minuti, meglio in modalità statico.

Una volta cotto (prova stecchino anche qui validissima) lasciatelo raffreddare, sformatelo sul piatto da portata e decoratelo con una spolverate di zucchero a velo. Direi che é ottimo in qualsiasi occasione, magari se servito a fine pasto una cremina (magari semplice cioccolato fondente fuso …) d’accompagnamento ci starebbe molto bene. E poi é anche una torta che si mantiene morbidissima per parecchi giorni, e anche questo é un aspetto da non trascurare mai!

Annunci

9 thoughts on “Ciambella all’olio con arance intere e farina di mais

    • Ti dirò che il timore iniziale era già svanito nel sentire gli odori durante l’impasto; mi sembrava di essere immersa in un agrumeto in Sicilia.
      Un abbraccio e a presto 🙂

  1. Ma lo sai che capita anche a me? Mi sento in ritardo rispetto al clima e quando vedo fragole e asparagi mi dico: è troppo presto!
    Anche io ho ancora in cantiere qualche ricetta di fine inverno…e chissene importa se sono in ritardo..ancora ne ho voglia!
    Davvero bello questo dolce..e ancor più questo stampo! 🙂

    • Grazie. In effetti lo stampo lo adoro proprio, anche se mi fa un po’ clima natalizio … ma tanto eravamo entrati nel mood “e chissene”!!! 😉

  2. Martina come immagini qui la primavera é un po’ più lontana che da voi… la tua torta potrebbe quindi essere apprezzatissima. Avevo una ricetta simile, ma non c’era la farina di mais, che io metterei un po’ dovunque. Mi sono appena alzata ( le famose -6 ore..) te la immagini la fetta che manca davanti a me con il mio caffè?

  3. che spettacolo! adoro la farina di mais nei dolci perché li rende un po’ rustici e poi il profumo degli agrumi…segno, segno per i prossimi esperimenti in cucina
    bacioni

  4. Pingback: Plumcake ai kumquat e cioccolato di Modica | mente & cuore in cucina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...