Kumquat sciroppati alla vaniglia.

Kumquat sciroppati alla vanigliaL’innamoramento nasce con molteplici vesti. Può colpire all’improvviso, in accordo o meno con la nostra volontà. Può andare a braccetto con la ragione o imporvisi di prepotenza, vincendo quasi sempre la partita. Colpisce violentemente come una tempesta, lasciando tabula rasa di tutto ciò che lo ha preceduto; oppure può nascere piano, piano; un passettino alla volta, dando modo di adattarsi ai cambiamenti, percepirne il divenire e poterne minimamente comprendere il perchè … sempre che un “perchè” possa esservi!

Tematiche complesse, difficili, e sinceramente non credo di aver vissuto abbastanza per potermi definitivamente pronunciare; fino ad oggi non ho stilato un elenco dei pro e dei contro, e non ho assolutamente capito quale delle diverse forme e sfacettature si concilii maggiormente con il mio essere.

Albero di KumquatUna cosa però è certa, tra me e i kumquat non è stato sicuramente amore a prima vista! Mi sono sempre girati attorno nei periodi invernali; cercavano di mettersi in bella mostra sia in giardino che nei cesti, a detta di tutti erano una risorsa di piacere e gusto e poi risultavano così eleganti ovunque venissero messi … dolce o salato … “da bosco e da riviera” come si suol dire!!!  Il mio palato però ne è restato per lungo tempo deluso, li trovavo troppo amari e aspri. Poi ( ancora non s’è capito se più per volontà o per natural corso del tempo ) il nostro rapporto è cambiato; poco per volta ho iniziato ad aprezzarne il sapore intenso, particolare. Quell’amaragnolo che avevo tanto odiato iniziava a piacermi un sacco ( il massimo è mangiarli così appena raccolti dall’albero ) e, tutt’ora, appena le temperature lo consentono, cerco di far tesoro di questi piccoli, preziosi agrumi! Un tesoro che, quando posso, cerco di conservare il più a lungo possibile

n.b : per la ricetta ho preso spunto ed ispirazione dal libro ” Conserve fatte in casa” di L. e G. Lauredon

Kumquat sciroppati alla vanigliaKumquat sciroppati alla vaniglia

Ingredienti (per circa 3 barattoli da 500 ml e 1 da 150 ml ):

  • 1,5 kg di kumquat (se non avete un albero cercateli locali, non trattati e biologici )
  • 380 gr di zucchero semolato
  • 1,5 L di acqua + q.b per la prima cottura
  • 1 baccello di vaniglia

Come prima cosa lavate accuratamente i vostri frutti, metteteli in una capiente pentola (meglio dal fondo spesso ) con acqua fredda, portate ad ebollizione, abbassate il fuoco al minimo, e lasciateli cuocere per circa 10 minuti. Scolate poi accuratamente i kumquat eliminando l’acqua di cottura. Rimettete la pentola sul fuoco con lo zucchero, il baccello di vaniglia aperto a metà e il 1,5 L di acqua, fate scaldare dolcemente (lo zucchero deve completamente sciogliersi ) e aggiungete i kumquat. Lasciateli sobbollire gli agrumi per circa 15-20 minuti ( diventeranno certo più morbidi, ma non devono assolutamente disfarsi ), poi scolateli con un mestolo forato (dovete conservare lo sciroppo ). Inseriteli delicatamente nei barattoli (precedentemente sterilizzati ), versate a coprire lo sciroppo, lasciando circa  1 cm dal bordo, chiudete ermeticamente e procedete alla seconda sterilizzazione. In una grossa pentola (a me ne sono servite due ) immergete i barattoli avvolti da canovacci puliti (possibilmente di lino o cotone naturale ) facendo in modo che il livello dell’acqua superi i coperchi di circa due dita, portate ad ebollizione e lasciateli cuocere a fuoco dolce per almeno 15-20 minuti. Lasciate infine rafreddare i barattoli in acqua, verificate la corretta avvenuta del sottovuoto, asciugateli bene, etichettateli e riponeteli in un luogo fresco e al riparo della luce.

Aspettate almeno 1 mese prima di consumarli. I kumquat in questo modo sono buoni consumati sia da soli che in abbinamento con piatti dolci o salati.

Annunci

11 thoughts on “Kumquat sciroppati alla vaniglia.

  1. Che fruttini curiosi…non li conosco né mai ne ho sentito parlare!!! Sono belli, belli davvero e mi hai incuriosita: casomai ne vedessi da qualche parte almeno potrò acquistarli sapendo cosa farne 🙂
    Grazie per aver condiviso questa chicca!
    Un bacio ❤

    • Il grazie va a te, per essere sempre così curiosa e felice nello scoprire cose nuove.
      Ti auguro un buon inizio e che il vento forte che vaga nella tua città ti faccia arrivare il mio abbraccio 🙂

  2. L’innamoramento ha cause che il più delle volte ci risultano assolutamente sconosciute…un po’ come dire “Capita e basta”.
    Ci sbatti contro e non sai bene come riprenderti dall’intontimento dellla botta presa in pieno petto.
    Ma la parte bella del gioco è quando cominci a correre sullo stesso filo, senza timore, se non quello di lasciar cadere qualcosa d’importante…un po’ come questi vasi, che sembrano trasmettere luce e profumi!
    Buon anno Martina!

  3. Io come te non ci ho mai fatto amicizia con questi piccoli agrumi. E diversamente da te il rapporto conflittuale dura tuttora! Ma se avessi un albero a disposizione credo imparerei ad innamorarmene, in quel modo lento e ponderato, un passettino alla volta…
    Bellissimo il tuo albero (e quelle imposte turchesi sullo sfondo, io sogno una casa con le persiane proprio di quel colore! Anche se è in gara con il rosso…) e bellissimi i tuoi barattoli! Come ti auguro sia bellissimo il tuo 2015 🙂
    A presto streghetta!

    • Cara Claudia se fosse stato per il mio di albero ( che ovvio non è quello in foto … come la casa sullo sfondo … ) nemmeno un mini barattolo avrei fatto! Nonostante tutte le cure ricevute il signorino ha deciso di scioperare per questa stagione! Ma da testa dura quale sono mi sono messa ad elemosinare kumquat da vari alberi e giardini spari qua e là 😉
      Ma se ti capita di incrociarne un ramo, dagli un’ultima possibilità. Secondo me fatti così, tagliati e messi sopra una fetta del tuo ultimo pane, potrebbero sorprenderti!
      Ti abbraccio e ti auguro buon anno di magiche pozioni 😉

  4. Credo che ogni amore sia davvero un mondo a sè, un universo intimo e unico, irripetibile, in qualunque forma si presenti.
    Rifletto ancora un po’ però su questo tuo pensiero e mi segno questa bellissima ricetta e quersto bellissimo frutto che conosco pochissimo.
    Buon Anno cara Martina e buona giornata! 🙂

    • Tra riflessioni ancora in corso ti auguro anch’io un buon inizio 2015 ( che a scriverlo in numeri ancora mi risulta difficile onestamente ). Che sia un anno pieno di ricette con i profumi della tua terra, barattoli che riempiono dispense e amori vissuti fino all’ultimo respiro ( e se poi non si arriva a comprenderne la natura … ce ne faremo una ragione!!! ). A presto e buona settimana 🙂

  5. L’anno scorso avevo pubblicato la ricetta di una marmellata di mandarini cinesi, vaniglia e timo e l’innamoramento era scattato così, in modo naturale e curioso, era la mia prima volta… sintonie e intese non seguono regole, nè con il cibo, nè con le persone… e questo è il bello, c’è un alto potenziale di stupore sempre in agguato, in cui possiamo inciampare!
    Mi piace come il tuo albero arancione sfiori nello sguardo il blu delle persiane… secondo me si tratta di corteggiamento, tra frutti e casa è scattata la scintilla e di notte si fanno anche le serenate… 🙂

    • Sono sicura che di serenate ve ne sono state molte al chiaro di luna … ed io appostata in un angolino ad ammirare la poesia … però nascosta bene perché nè l’albero nè le persiane si trovano nel mio giardino! 😉
      Al prossimo carico di kumquat provo a farla la tua marmellata, nel frattempo ti auguro un buon inizio anno, pieno di stupore e colori che ricordano il sole 🙂

  6. mi piace tanto quando un non amore si trasforma con il tempo in un amore, quando sappiamo scoprire altri sapori che credevamo esserci poco graditi. E lì è sorpresa, lì è gioia e stupore e…amore!
    Un meraviglioso barattolo, come te Marty! Bacini

  7. Pingback: Plumcake ai kumquat e cioccolato di Modica | mente & cuore in cucina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...