Chutney di barbabietola rossa

Zafferano selvatico o Crocus Vernus“Non basta aprire la finestra per vedere la campagna e il fiume. Non basta non esser ciechi per vedere gli alberi e i fiori. Bisogna anche non aver nessuna filosofia. Con la filosofia non vi sono alberi: vi sono idee. Vi è soltanto ognuno di noi, simile ad una spelonca. C’è solo una finestra chiusa e tutto il mondo fuori; e un sogno di ciò che potrebbe esser  visto se la finestra si aprisse, che mai è quello che si vede quando la finestra si apre.”

Da “Poesie incompiute” di Fernando Pessoa.

cesto di erbe selvaticheE mentre ero fuori da quella finestra, intenta a cercare le prime erbette tra le piane di ulivi ( decisamente in anticipo rispetto al solito), eccolo lì, del tutto inaspettato ( ma le cose preziose arrrivano sempre quando meno te lo aspetti). Nascosto tra i fili d’erba, un piccolo gruppo di fiori di zafferano selvatico faceva foggia di tutto il suo splendore. Mi sono avvicinata, volevo prenderlo, portarlo con me … un incontro così raro non poteva certo concludersi con un addio; doveva essere mio in qualche modo!

Ancora qualche istante e l’avrei colto; ma poi è pravalso il buon senso. Mi sono limitata ad immortalarlo e l’ho lasciato al suo posto, sapendo bene che non sempre si deve possedere ciò che viene a noi naturalmente donato … ci se ne riempie gli occhi e la mente, limitandosi ad averne cura e rispetto … ma questo dovrebbe valere per tante altre cose, o no?!

Ammetto però che, tornata a casa, quelle sfumature mi continuavano ad appannare la vista. Così ho rovistato tra il cestino della verdura e mi sono avvicinata alla tinta che maggiormente si avvicinava a quella tonalità!

E pazienza se il colore non è per nulla uguale … il sapore è buonissimo, e il pensiero di aver fatto una minima scorta di uno dei miei ortaggi preferiti non mi dispiace per niente!

chutney di barbabietola rossa - beetroot chutneyChutney di barbabietola rossa

Ingredienti ( dosi per circa 500 gr di prodotto finito):

  • 500 gr di barbabietole rosse
  • 2 mele rotelle ( o altra verietà leggermente acidula)
  • 250 gr di cipolle di Treschietto ( o altra varietà non troppo forte)
  • 150 gr di zucchero di canna
  • 200 ml di aceto di mele
  • 10 gr di zenzero fresco (pelato e grattugiato)
  • 1 cucchiaino di semi di coriandolo (pestati)
  • 1 cucchiano di cannella in polvere
  • 1 cucchiano di peperoncino in polvere
  • 1 cucchiaino di sale integrale
  • 1 foglia di alloro
  • q.b. di foglie di timo

Mondate e tagliate finemente la barbabietola e la cipolla e mettetele in un tegame dal fondo pesante. Tagliate anche la mela, senza privarla della buccia, e unitela al resto. Aggiungete anche lo zucchero, il sale e le spezie, portate a bollore, quindi abbassate la fiamma, aggiungete l’aceto e proseguite la cottura per 30-40 minuti, mescolando di tanto in tanto. Una volta raggiunta la consistenza desiderata ( fate sempre la prova piattino, tenendo conto che si addenserà molto una volta fredda), spegnete, togliete la foglia di alloro, e invasate a caldo il vostro chutney nei barattoli precedentemente sterilizzati. Chiudete ermeticamente e fate la seconda sterilizzazione. In una pentola capiente mettete i barattoli avvolti da panni di lino o cotone naturale, riempite d’acqua fredda in modo tale che il livello superi di almeno tre dita i coperchi, accendete il fuoco e colcolate circa 30 minuti di cottura dal bollore. Lasciate poi raffreddare i barattoli nell’acqua, asciugateli, etichettateli e riponeteli in un luogo asciutto e al riparo dalla luce. E come sempre aspettare almeno 15 giorni prima di consumarli.

Questo tipo di chutney è buonissimo da consumarsi anche solo semplicemente a cucchiaiate … oppure sopra una fetta di pane integrale leggermente tostato, come una salsina per un apertivo diverso, ma anche come accompagnamento a carne, pesce o formaggi un po’ stagionati.

Annunci

4 thoughts on “Chutney di barbabietola rossa

    • Artista che conosco davvero poco … ( ognuno ha le proprie mancanze). Grazie davvero per queste note e queste parole. Inizio la giornata con una nuova emozione

  1. E hai fatto bene a lasciare lì quei fiori meravigliosi… io me li fotografo e così ne conservo l’immagine per sempre! Meraviglioso quel chutney, pensa che quando ho delle barbabietole non so mai che farne… ma la tua idea mi piace perché il chutney permette degli abbinamenti di sapore gradevolissimi.
    Un bacio:)

    • Certi fiori sono troppo belli e preziosi per essere raccolti!
      Ti assicuro che queto chutney è fantstico, ( ovvio se piace l’agrodolce) me ne sono lasciata un barattolo da consumare subito … ma forse non è stata una buona idea!!! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...