Insalata aromatica di riso venere e asparagi.

asparagiQuesto è stato forse il primo vero fine settimana estivo.

La prima volta al mare … che come tutte le prime volte è sempre speciale. Arrivi presto, la spiaggia è vuota, ti scegli l’angolo preferito, distendi il tuo corpo ( ancora sui toni del “candido” ) sopra il telo, tiri fuori dallo zaino il libro che leggerai tra un attimo, togli gli occhiali, chiudi gli occhi e, mentre ascolti il rumore delle onde sulla battigia, inizi a raccogliere tutto il caldo tepore dei raggi del sole … modalità ricarica attivata!

Poi con il passare delle ore il chiacchericcio attorno aumenta, in proporzione al numero di teli colorati e visi più o meno noti. Alzi lo sguardo perché qualcuno ti ha chiamata, sorridi … è bello rivedere vecchi amici, quelli che conosci da una vita, ma che per lo più puoi frequentare unicamente quando le temperature sono elevate!

asparagiPassi la giornata così, senza far nulla di particolarmente movimentato, nemmeno un grande nuotata, visto che l’acqua è ancora parecchio fredda ( e io mooolto freddolosa ), al massimo un movimento ondulatorio delle gambe che giocano a fare schizzi con la superficie del mare … retaggi da bimba che son duri a morire.

Con calma il rientro, gustandosi tutta la strada; percorso breve ma di lunghissima durata … quando si è tranquilli e rilassati si tende a parlare anche con lo sconosciuto che ti passa di fianco … un metro due chiacchere, altro metro tre chiacchere e via discorrendo.

E, benché la giornata mondiale della lentezza debba ancora arrivare, imperterrita continui con questo ritmo; doccia, giusto due cose da sbrigare e, infine, dedicarsi a preparare la cena … per non sapere l’ora basta non alzare lo sguardo sopra la porta, il timer, invece, lo metto direttamente nel cassetto, e visto che questo riso fresco e profumato deve riposare un po’, ci scappa pure un aperitivo casereccio!

n.b : ricetta di quelle fatte seguendo gusto, momento e … asparagi da cucinare entro breve! Una cosa sola, negli ingredienti ho messo “olio al peperoncino“, e con ciò intendo unicamente un peperoncino fresco, tritato e lasciato in infusione in olio evo! Nel caso non abbiate il riso Venere, potete utilizzare altre varietà di riso, il sapore ovvio non sarà lo stesso, ma potrete comunque aggiungere, togliere o cambiare aromi e spezie.

insalata di riso venere e asparagiInsalata aromatica di riso venere e asparagi, con erbe fresche e zenzero

Ingredienti ( dosi per 4 persone):

  • 700 gr di asparagi
  • 200 gr di riso Venere biologico
  • 2-3 cm di radice di zenzero fresco
  • 1 cipollotto ( o 2 se piccoli )
  • 1 cipolla
  • 1 ciuffo di prezzemolo fresco
  • 1-2 rametti di basilico
  • 5-6 foglie di menta fresca
  • 1 cucchiaino di olio al peperoncino
  • 4 chiodi di garofano
  • 1-2 foglie d’alloro
  • q.b di olio evo (per me il solito pugliese)
  • q.b di sale fino integrale
  • 1 presa di sale grosso integrale
  • 1/2 limone non trattato

Iniziate pulendo gli asparagi, tagliate la parte finale più fibrosa e le punte e mettete entrambi da parte. Tagliate il resto dei gambi in pezzi non troppo piccoli, mettete una pentola con abbondante acqua sul fuoco e aspettate il bollore. Una volta preso il bollore aggiungete una presa di sale grosso e tuffate gli asparagi, scottateli per circa 5 minuti poi, con un colino forato scolateli e subito passateli sotto l’acqua fredda ( così da fissare bene il loro colore) e metteteli da parte; ripetete l’operazione per le punte, cuocendole però solo per 3 minuti. Nella stessa acqua tuffate ora la parte finale degli asparagi, i gambi di prezzemolo e basilico, la cipolla mondata e infilzata con i chiodi di garofano, l’alloro e il riso. Cuocete a fiamma medio bassa per circa 30 minuti, cercando però di mantenere il riso abbastanza al dente, poi scolate il tutto e passate velocemente il riso sotto un getto di acqua fredda, eliminando la cipolla, i gambi di asparagi, prezzemolo e basilico e l’alloro. Prendete ora una manciata di asparagi, prelevandola da quelli tagliati a pezzetti, unite le foglie di menta, la scorza e il succo del limone, un pizzo di sale fino, un filo d’olio e, con un frullatore ad immersione, riducete il tutto in crema, aggiungendo altro olio nel caso, fino ad ottenere una consistenza vellutata ed omogenea. Poi mettete un’ampia padella sul fuoco, aggiungete l’olio al peperoncino, lo zenzero pelato e grattugiato, il cipollotto tagliato a rondelle, fate imbiondire per qualche istante e aggiungete subito il riso, gli asparagi rimasti e le punte, saltate, mescolando bene, per pochi minuti. Infine togliete dal fuoco, aggiungete 2-3 cucchiai abbondanti della crema appena preparata ( quella che avanza la potrete gustare anche semplicemente spalmata sopra una fetta di pane integrale ), il prezzemolo e basilico tritati grossolanamente e mescolate bene, assaggiate e nel caso aggiustate di sale.

Lasciate riposare la vostra insalata per almeno 15 minuti prima di servirla, infine aggiungete qualche altra fogliolina di prezzemolo e basilico, un filo d’olio a crudo e portatela in tavola; da gustare sia tiepida che fredda, accompagnando il tutto con un buon bicchiere di vino bianco! 

Annunci

11 thoughts on “Insalata aromatica di riso venere e asparagi.

    • Certo e quando ti metti a tavola fammi un fischio che ti raggiungo per il brindisino di buon appetito!!!
      ps: se avessimo il fuso orario a nostro vantaggio si potrebbe anche organizzare un pranzo in simultanea … 🙂

      • L’ho fatto Martina…. buonissimo! Sarà che metterei gli asparagi in ogni dove, ma l’abbiamo mangiato veramente di gusto!

  1. Che bella questa cerimonia della lentezza e del godersi le cose!! Troppo spesso ce ne dimentichiamo. Mi hai fatto venir voglia di una giornata così 🙂
    E anche del riso venere. Buona festa della Repubblica!

    • Giornate che ricaricano tantissimo, soprattutto mentalmente!
      Spero giunga presto la tuo momento di lentezza … sarà forse in arrivo con quel bel carico di ciliegie?! 😉
      Buon inizio di giornata e a presto

  2. Come non invidiare la tua vicinanza col mare? Quando inizia a fare così caldo la campagna non è altrettanto piacevole…e credo di aver messo piede in spiaggia soltanto 5 giorni lo scorso anno, un paio d’ore prima del tramonto. Quello che mi piace del mare è proprio quella lentezza morbida che ti mette addosso, e anche l’appetito che dà, un appetito tutto particolare, diverso dal solito (sì, è vero penso sempre a mangiare..). Spero di concedermi più visite sulla costa quest’estate, anche se fugaci 🙂
    Un bacione bella!

  3. oh, il riso venere…lo corteggio da così tanto eppure non l’ho mai ancora assaggiato! Sarà che come Margherita, ovunque ci siano asparagi vado matta, ma prendo spunto anche io, che in questa precoce e calda estate un piatto come questo che può anche essere mangiato freddo è l’ideale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...