Capovolgimenti estivi e una torta (dairy free) sottosopra alle susine

Dairy free upside down plum cakeGuardo il mondo a testa in giù, preferisco, e in questo modo mi sembra che tutto sia più in equilibrio.

Quando normalmente dovrei dormire resto sveglia.

Nelle ore in cui dovrei uscire, meglio stare in casa. Le scarpe nelle scatole mentre i miei piedi sono in giro per strada. Dovrei mangiare ma ho solo voglia di bere. Dovrei respirare aria come di consueto, ma ultimamente mi riesce solo se sono in mezzo al mare.

Il caffè diventa freddo e il rosso del vino perde colore …ma non il vizio!

Se devo star seduta mi viene da ballare; non mi imbarazzo, ballo da sola anche se non sono nella mia camera.

Con gli occhi ascolto, con il cuore penso e con la mente corro.

Quando fa buio esco e se c’è qualche luce di troppo scappo … la metamorfosi del pipistrello!

plumsLa cicala canta, la formica si da pace, e se di giorno la cucina tace è di notte che prende vita. Accendo il forno e ciò che ne esce sarà gustato dopo (non troppe) ore; possibile che sia un pane da tagliare a fette e gustare con i pomodori, diventati rossi per la vergogna di esser sempre sotto i riflettori di questo ardente sole, oppure una fetta di torta da gustare a colazione; una torta che, visti gli ultimi movimenti, si è adeguata ai tempi

… dentro- fuori, sopra-sotto … e prendila così non possiamo farne un dramma.

n.b: questa ricetta è uscita dalla necessità di smaltire in fretta un carico di susine giunte senza preavviso, ma comunque gradite, e un collage di ricette trovate in rete e riviste. In questa occasione ho utilizzato un burro di mandorla fatto in casa ( in rete troverete tantissime ricette per prepararlo da voi ). Insomma direi che me la sono un po’ inventata, e se è vero che in pasticceria certi azzardi non si dovrebbero mai fare quando non si padroneggia il mestiere, beh, allora direi che ho avuto un’altra botta di xxx!!! 

Plum upside down cake with almond butterTorta sottosopra (senza lattosio) alle susine

Ingredienti (dosi per uno stampo a cerniera da 22 cm di diametro):

  • 300 gr di farina tipo 2
  • 130 gr di zucchero di canna
  • 500 gr di susine mature ma ancora sode
  • 3 uova categoria 0
  • 180 gr di burro di mandorla ( lasciato a temperatura ambiente)+ q.b di supporto
  • 50 ml di rum scuro (o altro liquore a vostra scelta)
  • 1 cucchiaino abbondante di lievito in polvere
  • semi di 1 baccello di vaniglia
  • 1 pizzico di sale fino
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere (facoltativo)
  • q.b. di olio evo per la teglia

Come prima cosa ungete lo stampo con olio, coprite il fondo con un foglio di carta forno e spolverizzate bene di farina i lati. Pulite e asciugate le susine, mondatele, tagliatele a metà e mettete tutto da parte. Raccogliete il burro di mandorle (molto morbido) in una ciotola e montatelo con fruste elettriche con 100 gr di zucchero, la cannella e i semi di vaniglia. Una volta ottenuto un composto ben spumoso unite le uova, uno alla volta, continuando a montare. Aggiungete la farina, precedentemente setacciata con il lievito, in due volte, alternandola con il rum ( se il composto dovesse risultare troppo compatto aggiungetene qualche cucchiaio). Disponete ora le susine nel fondo dello stampo, con il taglio verso l’alto e in modo da coprire tutta la superficie. Aggiungete il restante zucchero, con la punta di un coltello prelevate il burro di mandorla e distribuitene qualche goccia qua e là. Ricoprite il tutto con l’impasto e livellate bene. Cuocete la torta in forno già caldo, modalità statica, a 170° per circa 45 minuti ( fate sempre la prova stecchino per verificare l’avvenuta cottura). Trascorso il tempo, sfornate e lasciate raffreddare. Infine sformate la torta, capovolgetela in un piatto da portata, togliete il foglio di carta forno e servitela.

Una fetta di questa morbida e soffice torta si presta bene per una ricca colazione, ma volendo può essere proposta anche dopo una buona cena, magari accompagnata da una fresca pallina di gelato ( e in questo caso forse sarebbe preferibile servire la torta appena tiepida). Normalmente si conserverebbe benissimo per più giorni, giusto coperta con un foglio di carta, ma in questi giorni di caldo esagerato consiglio ( soprattutto per la presenza delle uova e della frutta) di tenerla in frigo (nel ripiano più basso) e tirarla fuori almeno 30 minuti prima del consumo.

Annunci

12 thoughts on “Capovolgimenti estivi e una torta (dairy free) sottosopra alle susine

  1. Mi sono riconosciuta parecchio nelle prime righe di questo post e ti dirò che mi sono vista anche addentare questa bella e golosa fetta di torta. Io coi dolci azzardo sempre e se il risultato mi soddisfa svanisce qualsivoglia senso di colpa, sia per aver azzardato sia per aver ripetutamente gustato. Buona estate! 🙂

  2. Bella bella bella!! Avrei detto le stesse identiche cose… soprattutto quando si accenna a certe torte sfornate alle ore più strane! 😉 Ci credi che all’una di notte di qualche giorno fa usciva dal mio forno una torta, sempre rovesciata, ma all’ananas, pubblicata con orgoglio proprio stamattina??

  3. Vivere al contrari è un po’ la mia specialità. Cercare nuovi punti di vista quando quelli che conosco non bastano più. Sovvertire regole e tutto-quello-che-è-considerato-normale. E allora anche io cucino di notte, accendo il forno quando è già troppp caldo, perdo tempo dietro a lunghe preparazioni quando in realtà di tempo non ne ho neanche abbastanza. E capovolgo torte, come la tua, piene di frutta che a vederle mettono allegria e lasciano sempre spazio alla meraviglia.

  4. Mi piace il tuo mondo ‘sottosopra’ che somiglia molto al mio mondo ‘aldisopra’ gli alberi, anch’io accendo il forno senza troppe lagnanze soprattutto se il proposito è di non perdere l’abitudine a mangiare cose buone!A me questo burro alle mandorle mi intriga parecchio e ci tornerò sopra anche questa volta, ma intanto mi servo una fettina di questo dolce… non sai che voglia che mi ha messo!

    • Totalmente in sintonia con il tuo pensiero, infatti (giuro) mentre scrivevo non riuscivo che ad immaginarmi appesa ad un ramo di un altissimo e frondoso abete, dondolante a testa in giù, come un’altalena in movimento.
      Al prossimo giro salto sul tuo albero di pero e, se di quei frutti succosi e “scrocchierelli” non ne fosse avanzato nemmeno uno, pazienza, mi accontenterei di una favola raccontata da chi come me ama stare sugli alberi e incontra personaggi in cerca di gelati! 😉

  5. Che belle le tue parole!! Leggerti è un piacere 🙂
    E mi piace moltissimo anche questa torta fatta ad occhio e perfettamente riuscita…come accade quando si fanno le cose con calma, amore e senza ansie. Il burro di mandorle, poi, lo voglio provare da un pezzo…yuummm! 😀

    • E dire che spesso mentre scrivo ho il timore che leggendomi qualcuno, anzi molti, possa darmi della pazza!
      Comunque, sempre con calma e amore, cerca di trovare il tempo per fare questa burro/crema di mandorle … oppure di qualsiasi altra frutta secca a tua scelta … non resterai delusa! E magari potresti abbinarlo con il prossimo pane che uscirà dal tuo forno?! 🙂

  6. Ah ma questa versione con il burro di mandorla mi ispira tantissimo…. ma poi forse, le ricette quelle nate un po’ a caso, non sono le migliori? A me danno molta più soddisfazione di una da seguire alla lettera!

    • E’ vero, a patto che il risultato sia soddisfacente! Perché quando, all’assaggio, la smorfia sul viso tende al disappunto totale, giuro, l’istinto sarebbe quello di far volare ogni cosa dalla finestra, compresa la mia testardaggine!!!
      Ma sono rischi che siamo disposti a correre … per fortuna questo non era uno di quei momenti! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...