Tatin rustica di pomodori piccadilly

Vegan tomato tart tatinSolitamente non ho nessuna difficoltà nell’accogliere l’arrivo dell’autunno, la mia stagione preferita per molti motivi, ma per ora faccio davvero fatica ad abbandonare i ritmi estivi.

Sarà colpa delle piogge intense ed improvvise, che quando arrivano ormai fanno solo che dei gran danni, sarà per la consapevolezza che la stagione in arrivo porterà stravolgimenti e nuovi cambiamenti, oppure per il semplice fatto che, nell’orto, vi è ancora un’abbondanza di melanzane, peperoni e pomodori … nemmeno fossimo in pieno agosto!!!

Di tentativi su come conservare i rossi e succosi re dell’estate vi ho già parlato in questo post, ma ora ( rischiando di farveli venire a nausea) vi lascerò una ricetta fatta diverse volte nel corso dei mesi passati.

Questa tart tatin di pomodori piccadilly è diventata con il tempo una di quelle ricette “di famiglia”, fatta usando questa ricetta per la brisée all’olio, ma cambiando spesso tipo di farina, aggiungendo spezie ed aromi nell’impasto e accogliendo ripieni tra i più disparati … e devo dire che mai ha deluso le aspettative!

In questo preciso caso (e risale ormai a svariate settimane fa)  avevo usato della farina integrale e un cucchiaio di paté di olive nere al posto del sale. Il risultato è stato ottimo, e se ancora la voglia di pomodori non vi è passata vi consiglio davvero di provare a farla al più presto.

Vegan and rustic tomato tart tatinTarte tatin (vegan) rustica di pomodori piccadilly, basilico e menta

Ingredienti (per uno stampo da 26 cm di diametro):

  • Per la pasta:
  • 100 gr di farina tipo 0
  • 200 gr di farina integrale
  • 120 ml di vino bianco secco e fermo (di buona qualità)
  • 80 ml di olio evo (per me ligure)
  • 1 cucchiaio di patè di olive nere
  • Per il ripieno:
  • 15 pomodori piccadilly maturi ma ancora sodi ( in numero sufficiente per coprire lo stampo scelto)
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino abbondante di zucchero di canna
  • q.b di origano, timo e maggiorana secchi
  • q.b di foglie di basilico e menta freschi
  • q.b di olio evo

Iniziate preparando la pasta brisée. In una ciotola setacciate le farine, praticate un foro al centro e unite i liquidi e il patè di olive. Iniziate a mescolare con una forchetta ( in caso aggiungete qualche goccia d’acqua se l’impasto fosse troppo secco) e appena il composto inizia a compattarsi passate a lavorarlo con le mani spostandovi sopra un piano di lavoro appena infarinato. Lavorate la pasta, il meno possibile, fino ad ottenere una consistenza liscia ed omogenea, fate la solita palla, mettetela in una ciotola unta con un filo d’olio, coprite e lasciate riposare  nel ripiano basso del frigo per almeno 30 minuti. Nel frattempo pulite e asciugate i pomodori, tagliateli a metà nel senso della lunghezza, eliminate i semi interni e raccogliete i succo in eccesso in una ciotolina. Posizionate i pomodori nella teglia, leggermente unta, con la parte tagliata verso l’alto in modo da coprire bene tutta la base. Aggiungete il sale, lo zucchero, un generoso filo d’olio, qualche cucchiaio del succo conservato in precedenza e gli odori secchi. Cuocete i pomodori in forno a 200° per circa 30 minuti, poi tirateli fuori, spezzettatevi (con le mani) sopra alcune foglie di basilico e menta e lasciateli raffreddare, giusto il tempo di stendere la pasta. Stendete la pasta brisée in un cerchio dal diametro poco più grande rispetto alla teglia, nel caso servisse cercate di compattare i pomodori, adagiate sopra la pasta appena stesa, pressandola delicatamente sopra i pomodori, rimboccate verso l’interno i bordi e bucherellate con la forchetta. Cuocete il tutto per circa 30-35 minuti sempre a 200°, o almeno fino a completa doratura della pasta. Una volta cotta sfornate la teglia, aspettate 5 minuti e poi capovolgetela … con fare deciso e senza indugi!

Servite la vostra tatin salata ancora tiepida decorandola con ulteriori foglie di basilico.

Annunci

5 thoughts on “Tatin rustica di pomodori piccadilly

  1. io anche quest’anno faccio fatica ad accogliere con gioia l’autunno, mi sembra di voler restare attaccata il più possibile all’estate, al caldo e al sole che mi permette di passeggiare e distendere la mente, trovare risposte alle mille domande che ogni notte mi pongo e avere conforto dal blu intenso del cielo terso. E i profumi…i profumi delle verdure maturate al sole…questi faccio davvero fatica a “salutarli” quest’anno (anche se devo ammettere che l’idea di pter guatare di nuovo la mia adoratissima zucca è davvero una nota super positiva in qst quadretto 😀 )
    Questi pomodorini che gioiosi si sono posati sulla tua tatin, sono davvero belli. Belli dentro e fuori e deliziosi nel vestito croccante e leggero che hai loro donato.
    Buona settimana Martina cara

    • Dolce Elena, leggendoti questa mattina cercavo di intravederti tra le righe … che, nonostante il parere medico, non potevi sembrarmi più bella!!! 🙂
      Se ti serve della leggerezza, sai che qui ( per forza e per diletto) ne potrai trovare svariati spunti! Intanto goditi le tue scure coppette cioccolatose, ogni singolo attimo di sole e ogni pensiero sul futuro che ti arriverà durante la notte … non potrà che essere portatore di gioia 🙂 Ti mando un abbraccio, forte ma delicato!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...