Una focaccia senza nome … con pasta di recupero e verdure speziate di primo autunno … o fine estate!

sourdough flatbread with spicy vegetables in early autumnQuesto post arriva d’improvviso, senza programmi, portato dalle raffiche di vento e pioggia.

Arriva dopo giornate un po’ grigie come il cielo, turbolente e contrastanti come questi primi giorni d’autunno.

Arriva prima di una partenza, la prima vacanza … dopo il canonico periodo di vacanze che per me non è stato! Arriva ora, uscendo dai soliti schemi settimanali, per il timore che, al mio ritorno, possiate perdere la possibilità di unire la fine con l’inizio … le ultime verdure estive con i primi doni autunnali della terra!

focaccia con verdure speziate di primo autunnoE sì, perché questa ricetta nasce dalla voglia-necessità di unire i poli opposti (che forse talvolta si attraggono), dalla contingenza di ritrovarsi circondati, oltre che dall’ultimo carico di melanzane, peperoni e pomodori dell’orto, anche dal primo grosso raccolto di zucche ( e non potete capire quanto sia orgogliosa di queste mie prime zucche!!! ).

Un tripudio di verdure (troppo belle e sane per restare in sosta un’intera settimana) che sono presto finite sopra una pasta lievitata … non un pane piatto e morbido, non una focaccia, non una pitta … una via di mezzo … anche quella! Una, se proprio vogliamo cercare una definizione, focaccia morbida con esubero di lievito madre, molto poco unta; utilizzando una farina 1 di grano tenero presa dal mio mulino di fiducia ( ormai da tempo), dal sapore volutamente poco pronunciato per poter dar spazio a tutte le sfumature e colori di quello che sta sopra.

zucca DelicaE sopra sono solo verdure, saltate un attimo in padella con un pizzico di spezie piccantine … ciò che la mia nonna, lasciando perdere le spezie che non è cosa per la sua generazione, chiamerebbe in linguaggio culinario di famiglia …”un fricandò“!!!

Insomma, anche se senza nome, senza stagione piena o precisa definizione … promettetemi di farla se vi capiterà di ritrovarvi nel mezzo di tale confusione … non ve ne pentirete!!!

n.b: come impasto base potrete tranquillamente usare una pasta madre rinfrescata e attiva, oppure una minima quantità di lievito di birra. Per le verdure potete sbizzarrirvi come meglio credete, come dispensa offre o come gusto guida!

Primi giorni d'autunno e una focaccia con verdure speziateFocaccia (con esubero di pasta madre) con verdure speziate di primo autunno

Ingradienti ( dosi per una teglia da 30×20 ):

  • Per l’impasto:
  • 400 gr di farina 1 di grano tenero
  • 150 gr di esubero di pasta madre ( rinfrescata da 3 gg )
  • 300 ml (circa) di acqua tiepida
  • 2 cucchiai d’olio evo (per me il solito pugliese)
  • 1 cucchiaino di sale fino integrale
  • 1 cucchiaino di malto d’orzo
  • Per la farcia:
  • 1 melanzana lunga grande
  • 2 peperoni verdi ( o 1 se grande)
  • 250 gr di zucca Delica
  • 4-5 pomodori Piccadilly
  • 1 cucchiaio (circa) di olive Taggiasche
  • 2 cucchiaini di capperi sotto sale ( sciacquati velocemente e scolati)
  • 1/2 peperoncino fresco tritato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cucchiaino di cumino in polvere
  • 1/2 cucchiaino di paprika dolce
  • 1 pizzico di sale fino integrale
  • q.b di basilico fresco
  • q.b. di timo e maggiorana freschi
  • q.b di olio evo

Iniziate facendo l’impasto per la focaccia. In una ciotola sciogliete l’esubero di pasta madre in 200 ml d’acqua. Poi unite la farina setacciata, impastate velocemente e unite il sale, l’olio, il malto e la restante acqua. Continuate ad impastare, passando poi sopra un piano di lavoro, fino ad ottenere un impasto ben incordato ma comunque molto morbido. Fate la solita palla e mettete in una ciotola appena unta d’olio, coperta con un canovaccio pulito ed inumidito, e lasciatela lievitare in un luogo tiepido fino al raddoppio del volume ( circa 4 ore). Nel frattempo preparate le verdure. Pulite e mondate melanzane e peperoni, tagliandoli a fette abbastanza sottili, pulite la zucca privandola solo dei semi interni e tagliate anch’essa in fette sottili. In una padella ampia mettete un filo d’olio evo, il peperoncino, l’aglio sbucciato e schiacciato e le spezie. Fate rosolare il tutto a fiamma dolce per 2 minuti, poi unite la zucca, un pizzico di sale e fate andare per altri 2 minuti. Eliminate l’aglio, unite il resto delle verdure, e continuate a cuocere il tutto, girando spesso e aggiungendo nel caso un goccino d’acqua calda, per circa 10 minuti, giusto il tempo di farle appassire. Una volta cotte spegnete il fuoco ed unite timo e maggiorana. Trascorso il tempo di riposo riprendete l’impasto e versatelo (delicatamente) direttamente sopra la teglia già unta con abbondante olio evo. Stendetelo con l’aiuto dei polpastrelli, aspettando 10 minuti nel caso tendesse a ritirarsi. Ricopritelo con il canovaccio e lasciatelo lievitare per un’altra ora e intanto accendete il forno alla massima potenza ( 250° almeno). Una volta riposato l’impasto praticate una leggera pressione con i polpastrelli su tutta la superficie e distribuite sopra le verdure cotte, i pomodorini tagliati a spicchi, olive, capperi e un ulteriore giro d’olio. Infornate la teglia abbassando la temperatura a 220° e cuocete il tutto per circa 30 minuti.

Una volta cotta, sfornate la focaccia sopra un tagliere, unite le foglie di basilico spezzettate con le mani e servitela ancora calda. Devo dire che così è buonissima, ma anche il giorno dopo non sfigura affatto … anche fredda portata con se per pausa pranzo in mezzo alla settimana!!!

Annunci

6 thoughts on “Una focaccia senza nome … con pasta di recupero e verdure speziate di primo autunno … o fine estate!

  1. Ma quanto mi piacciono le focacce così rustiche, piene di verdure coloratissime …e se servono per fare un po’ di spazio in dispensa ben venga! Per la cronaca…anche dalle mie parti c’è il “fregantò”: un contorno di verdure miste saltate in padella! 🙂

    • Ovvio che una cosa così la dirò subito alla mia nonna, comunque penso ci sia un fondo di verità in tutto ciò. Credo infatti che le nostre terre, linguisticamente parlando, abbiano un antico legame … forse portato dal mare e dagli antichi pescatori …
      Ammetto che nonostante la mole la scorta di verdura ancora la fa da padrone in casa … ma sono bene felice di questo … soprattutto se si potrà replicare!!! 🙂
      Grazie della visita e buon fine settimana

  2. Ma quant’è bella quella zucca? Ne ho presa una uguale ieri, ma solo perché devo lavorare a una ricetta su commissione, altrimenti non avrei mai ceduto così presto all’autunno. Il mio frigo è ancora pieno di peperoni, melanzane, zucchine e pomodori, e come ogni anno fatico a lasciar andare l’estate 🙂 Questa tua ricetta però mi sembra perfetta per unire le due stagioni, se riesco la provo anch’io. Ma non prima di aver sperimentato la tua torta rustica di pomodori, mi attira troppo e ancora non sono riuscita a farla!

    • Claudia puoi credermi se ti dico che quella zucca la sento come una piccola parte di me? Sono così contenta di esser riuscita a tirare su un raccolto partendo dai semi recuperati dalle zucche dell’anno scorso … emozioni che solo la terra può dare … e pazze come noi unicamente sentire! 🙂
      Mi raccomando se la fai abbonda con le dosi, consiglio spassionato!!!! 😉
      ps: e poi devi smetterla di aggiungere libri alla lista ormai già lunga ( oltre tutto questo avevo iniziato a leggerlo tempo fa, ma siccome era di un amico mi è poi sfuggito dalle mani senza esser arrivata nemmeno a metà!) che Natale è ancora troppo lontano!

    • 🙂 la tua immagine mentre addenti un pezzo fumante sommersa dai muri di neve mi diverte troppo!
      E il nome lo promuovo a pieni voti; ora vado e registro il marchio! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...