L’era del liquore giallo.

Homemade Limoncino (Limoncello)Avrei dovuto scrivere questa ricetta tanto tempo fa, sarebbe dovuto essere uno dei primi post; non è stato né uno, né l’altro, ma maglio tardi che mai!
Il perché di tanto ritardo non lo so, forse, come scriveva qualcuno giusto la settimana scorsa, le ricette di base le si danno troppo per scontate … per mille motivi.

Scontate o meno, conosciute ai più, amate o odiate, lasciare questa preparazione alcolica nell’oblio, o almeno solo dentro le mura di casa, non mi sembrava giusto; soprattutto dopo avervi già ubriacato con altri mille litri dei liquori precedenti! Perché ovviamente il capostipite di tutte le mie preparazioni alcoliche fu proprio lui, quel liquore giallo oro assolutamente non dalle liguri origini, ma che qui si è sempre fatto! L’era del liquore giallo risale infatti da tempo immemore, almeno da quando mia mamma ha avuto mano alla sua prima cucina. Lei, a onor del vero, non è mai stata una gran esecutrice di conserve o liquori, ma questa bevanda baciata dal sole l’ha sempre preparata. Forse per merito di quella vacanza anni ’70 fatta nelle terre dove tutto ebbe origine, e i limoni stavano davvero di casa, magari per l’abbondanza di alberi di limoni anche qui in paese … oppure per il facile approccio all’esecuzione … donna di poca pazienza l’è sempre stata in certi ambiti! Insomma nell’arco di questi anni in casa di Limoncini ( o Limoncelli) ne son passati sotto i bicchieri e, se gli alberi che fornivano i limoni non sono mai cambiati, altrettanto non si può certo dire delle ricetta a cui ci si è affidati!

LimoncelloIn principio fu proprio un loro amico del Salernitano a fornirgli la ricetta, poi si passò ad una presa da un libro, fatta per anni e poi accantonata. Venne poi l’era di altre dosi e fonti a me ignote, fino ad arrivare a quella che più le conveniva. Una ricetta buona, presa da un’altro libro di cucina, che però aveva il piccolo difetto di stordire tutti al primo sorso … e immaginatevi quanto tutto questo accadeva con ospiti non proprio di famiglia!

Così immolata alla causa della non spossatezza in contesti formali, una volta compiuta l’età dell’indipendenza culinaria, ho preso in mano le redini e percorso la via a ritroso. Si sa, risalire la corrente non è mai cosa facile, ma dopo tanto cercare riuscii a trovare la fonte originaria, quella secondo me più giusta, affidabile e, non so bene il motivo, ingiustamente accantonata, in uno dei suoi quaderni-appunti-ricettari.

homemade LimoncinoUn quaderno logoro, incollato, pinzato e macchiato, ma carico di storie, persone e ricordi. Uno di quei pezzi di vita che mai verranno dimenticati, un insieme miracoloso di pagine a righe che mi ha regalato la soluzione; un piccolo foglio pinzato e macchiato, in cui erano trascritte parole essenziali, dettate da un’amica di famiglia di origini campane; insomma la ricetta giusta dalla quale mai più mi sono mossa.

n.b: come sempre vale l’equazione pochi ingredienti, qualità eccellente. Quindi, in mancanza dei limoni di Sorrento, limoni dell’albero ( maturi, con la scorza leggermente spessa e profumati) o in alternativa di altra provenienza più che certa e sicura, zero trattamenti ammessi! Alcool puro di ottima qualità; zucchero semolato … e qui è uno dei rari casi in cui non solo lo tollero ma lo consiglio! Per il resto tempo e attesa.

Homemade LimoncelloLimoncino ( o Limoncello):

Ingredienti ( dosi per circa 2,5 L di prodotto finito):

  • 10-12 limoni
  • 1 L di alcool puro a 95°
  • 500 gr di zucchero semolato
  • 1 L d’acqua

Iniziate lavando ed asciugando bene i limoni. Con un pelapatate ricavate la scorza avendo cura di eliminare tutta la parte bianca. Raccogliete la scorza in un ampio contenitore in vetro, aggiungete l’alcool, chiudete ermeticamente e lasciate riposare in un luogo buio, fresco ma asciutto per almeno 15 giorni, ricordandovi di agitare il barattolo almeno una volta al giorno. Passato il primo riposo, preparate lo sciroppo. In un pentolino da fondo pesante mettete lo zucchero e l’acqua, cuocete il tutto a fuoco dolce (senza mescolare mai ma agitando delicatamente la pentola) fino a completo scioglimento dello zucchero. Lasciate che lo sciroppo si raffreddi completamente poi aggiungetelo all’alcool. Chiudete e riponetelo a macerare per un tempo non inferiore alla due settimana. Una volta concluso il secondo periodo di macerazione, filtrate il liquore e travasatelo nelle bottiglie (meglio se scure). Chiudete ermeticamente, etichettatele e riponetele in un luogo buio e asciutto.

Aspettate almeno un mese prima di consumare il vostro Limoncello. Servitelo però sempre ben freddo, a concludere degnamente il vostro pasto.

ps: in tutta onestà e per non smentire quanto scritto … preciso che il Limoncino delle foto è quello preparato l’anno scorso!

Annunci

12 thoughts on “L’era del liquore giallo.

  1. Quanta poesia tra queste righe e nelle tue foto! Un post bellissimo che mi ha tenuta incollata con il naso davanti allo schermo…

    • Giulia grazie davvero per le tue parole, non sai quanto mi faccia piacere, e se riuscissi a farti arrivare anche solo una piccola parte del profumo che emana … beh, sarei felice il doppio!!!

  2. E’ davvero un raggio di sole questa preparazione, un vero elisir per me che adoro i limoni e, in generale, gli agrumi… perché sanno di sole e di mare, di erba baciata dal vento e di scogliere a picco sul blu: eppure non l’ho mai preparato, neppure quando ho avuto l’occasione di trovarli dei limoni così belli (perché quelli che trovo nella mia città puzzano proprio e di limone non hanno nulla se non il nome)… lo vedi che tutti abbiamo qualche mancanza cui rimediare? Ora prometto solennemente di seguire le tue indicazioni non appena racimolo qualche limone degno di tal nome 🙂
    Un bacio!

    • I limoni degni di tal nome sono l’ingrediente fondamentale, devono sapere di sole e mare sul serio! Ma quando li avrai trovati non farteli scappare; cattura tutto il loro buono in un grande barattolo … aspetta e poi mi dirai!
      Buona settimana e mille mille soli! 🙂

  3. sento il profumo dei veri limoni io li adoro non immagini come li mangio… e se poi vengonousati per un liquore che è il must della mia terra Allora mi inchino a tale bellezza
    complimenti

  4. Bello il colore del tuo oro!:) mi piace la tua storia nel momento in cui entri in scena tu con le redini in mano di una situazione che va precisata, pesata, sperimentata per poi decretare la ricetta giusta!E in un certo tempo posso con inspiegabile imbarazzo dirti che riesco anche ad immaginarti alle prese con foglietti pieni di segreti e pesate che spaccano il grammo 🙂 Detto questo ti rivelo che il giorno in cui quel bicchierino è passato sotto i miei occhi ho pensato subito ad altro oro che mi fa pensare a te, e che tiro fuori nelle occasioni importanti con la soddisfazione di poterne raccontare la provenienza!Quanto alla tua ricetta segno subito su un foglietto anch’io e attacco in posto sicuro, che 5 limoni sono già sul mio albero!;-)

    • Non posso che confermare che l’altro oro liquido è molto superiore anche per me … non c’è proprio paragone! Fai bene a tenerlo per le occasioni che ritieni opportune ( mica tutti se lo meritano sai! 😉 ), anche se vorrei tanto essere invitata per restare solo ad ascoltare la tua storia a riguardo!
      ps: se la tua dispensa mancasse di altro oro dolce o limoni, mi raccomando … lancia un segnale ed io correrò in soccorso! 🙂

  5. Il tuo blog per me é come un libro di ricette, quelli scritti a mano, con le pagine unte e gli angoli consumati (esattamente come quello che fa da sfondo alle tue foto) . Un angolo dove trovare il conforto delle ricette intramontabili… Sai che qualche giorno fa ho fatto la torta caprese e ho dovuto omettere il liquore al limone perché qui o é introvabile o costa un occhio della testa… quindi, sai quanto vorrei anche solo una micro boccetta del tuo?!?!

    • Margherita questo è uno dei più bei complimenti che potessi farmi! Senti se alla prossima torta la tua dispensa risultasse ancora sfornita … fai un fischio e provvederò alla spedizione! E vuoi vedere che magari un goccetto serva pure a preservarti dalle gelide temperature!!!! 😉
      Un abbraccio e buona settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...