0

La “mia” panzanella che risolve il pasto estivo!

IMG_20130710_163505-1 Questo è uno dei classici casi in cui si potrebbe discutere all’infinito, e proprio per tal motivo non la definirò come versione autentica e originale ma, come una mia personale interpretazione. A ben vedere di originale non c’è proprio niente ma, con l’aggettivo “mia” ho solo voluto evitare di sollevare ogni possibile dibattito riguardo l’origine del piatto … evviva la sincerità!!!

Di panzanelle ne esistono più versioni, in cui cambiano gli ingredienti e il procedimento; unico punto imprescindibile la presenza del pane raffermo e dell’aceto (alcuni lo rimpiazzano con il limone ma, a questo punto, sarei io la prima a volerne discutere … ); tutto il resto è soggetto a mutamenti di luogo e tempo. A ogni modo è uno di quei piatti che, con il caldo estivo, ti risolvono in un baleno la situazione: economico, veloce, saziante, sano e soprattutto senza cottura … il che, ammettiamolo, non si disdegna affatto!!! Tutto sta, nemmeno a dirlo, nel puntare su buoni ingrediente freschi, di stagione e possibilmente locali.

Per il resto ho veramente poco altro da aggiungere, tranne che chi non ama l’aceto ovvio non stia nemmeno a cimentarsi nella lettura!

Panzanella di mezza estate

IMG_20130710_163209Ingredienti (per 2-3 persone):

  • 4 fette di pane toscano raffermo (possibilmente cotto a legna)
  • 4-5 pomodori allungati o San Marzano ben maturi (o altro tipo)
  • 10-15 pomodori perini (o ciliegini) ben maturi
  • 1/2 cetriolo
  • 3 piccoli ravanelli
  • 1 cipolla di Tropea (o metà a seconda del post-serata!)
  • 2 piccoli peperoni verdi dolci
  • 1 costa di sedano
  • 2 cucchiai di olive taggiasche denociolate
  • q.b di foglie fresche di basilico e menta
  • q.b di origano
  • 2-3 cucchiai di aceto di mele
  • q.b di olio evo e sale

Tagliate le fette di pane (può essere anche non toscano, basta che sia poco salato) a dadini o spezzatele con le mani in pezzi piccoli. Nel caso fosse un pane raffermo da un po’ di giorni bagnatele con acqua e strizzatele, se invece, come nel mio caso, il pane è solo del giorno precedente mettete i pezzi direttamente nella terrina da portata. Una volta pulita tutta la verdura tagliatela a julienne (o come meglio preferite), con l’accortezza di conservare tutto il liquido che sprigiona durante il taglio, e unitela al pane. Spezzettate con le mani, in modo da non ossidarle, le foglie di basilico e menta, aggiungete le olive e l’origano. Da ultimo condite con olio, sale e abbondante aceto (volendo potete usare anche un normale aceto di vino, ma quello balsamico lo sconsiglio, più che altro per una questione estetica!) e mescolare il tutto (adoro farlo con le mani … ).

Unico punto fondamentale è non servire subito la panzanella ma lasciarla riposare coperta in un luogo fresco per almeno 15 minuti,in modo tale che tutti i sapori si amalgamino e il pane si bagni bene e si ammorbidisca al punto giusto (che secondo il mio parere non è quando diventa una pappa molliccia …).

Ed ora non vi resta che portarla a tavola e, nel caso avanzasse, comeIMG_20130710_164015 tutte le zuppe sul genere, non vi preoccupate perché non solo si conserverà per qualche giorno ma ne acquisirà in sapore e gusto … anzi fatene direttamente di più :)!!!

2

Da una vasca di menta a un’insalata di miglio

IMG_20130614_073753Confesso! L’ultima volta che sono stata a casa non mi sono limitata a fare scorta di pesce ma ho anche fatto incetta (entro i limiti consentiti) di erbe aromatiche, soprattutto di menta!

Dovete sapere che se ci si sporge dalla finestra della camera in questi mesi si può non solo godere di un bellissimo panorama in cui svettano le Alpi Apuane, ma si è anche pervasi da un profumo inebriante e frizzantino di menta. Infatti proprio li sotto, nell’angolo del giardino, è posta una grande vasca in marmo dove, con il passare del tempo, è cresciuto rigoglioso e predominante su tutte le altre piante un bellissimo, ormai “cespuglio” di suddetta pianta.

Ed IMG_20130613_132405io una volta aperte le persiane, per ammirare le prime luci del giorno (uno dei pochi lati positivi dell’alzarsi all’alba …), sono stata ammaliata da tale aroma e … non ho saputo resistere alla tentazione (a pensarci bene, in effetti, è un po’ che la forza di volontà mi fa brutti scherzi …) !!! Praticamente ne ho portato con me un sacchetto pieno 🙂

Naturalmente una volta rientrata in Toscana ho iniziato a metterla un po’ ovunque, tè freddi, verdure, dolci e insalate varie tra cui quella che vi descriverò a breve. In realtà non ero sicura da subito di voler condividere questo piatto, anche perché come al solito l’ho fatto d’impulso e con gli ingredienti che avevo in casa, ma poi, una volta assaggiato mi è sembrato doveroso! Una insalata di miglio forse non particolarmente originale ma sicuramente estiva, buonissima (ovvio, dovete amare la menta, altrimenti potete anche abbandonare l’idea di realizzare questo piatto …) e con un aroma super rinfrescante.

Premetto che tra gli ingredienti vi è anche del formaggio, opzione per in non allergici della casa!!! Nel mio piatto ovviamente tale presenza era esclusa ma, assicuro tutti i miei compagni allergici che il sapore era fantastico comunque!

Insalata di miglio al profumo di menta

IMG_20130623_120248Ingredienti (per 2-3 persone):

  • 80 gr di miglio (possibilmente biologico)
  • 160 ml acqua
  • 10 asparagi puliti e mondati (decisamente gli ultimi della stagione)
  • 10 (circa) pomodorini confit (home made 🙂 )
  • 1 cipollina di Tropea
  • q.b di formaggio Feta greco
  • 6-7 foglie di menta fresca
  • q.b di sale, olio evo e prezzemolo
  • q.b di scorza di limone

Iniziate con il preparare il miglio. Dopo averlo sciacquato con cura mettetelo a tostare per qualche minuto con un filo d’olio in una pentola, o padella, antiaderente. Una volta tostato aggiungete l’acqua, salate e lasciatelo cuocere coperto per 15-20 a fuoco basso senza mai mescolare. Quando sarà cotto sgranatelo con una forchetta, o cucchiaio di legno, mettetelo in una ciotola e lasciatelo raffreddare. Nel frattempo sbianchite gli asparagi; metteteli a cuocere, già tagliati, per circa 7 minuti in acqua bollente salata (devono restare abbastanza croccantini), dopodiché scolateli e passateli subito in acqua fredda (ciò permetterà di mantenere un bel verde brillante). A questo punto resta solo da tagliare la cipolla a rondelle sottili, sminuzzare le foglioline di mente e comporre il piatto. Molto semplicemente mescolate in una ciotola tutti i vari ingredienti: il miglio, gli asparagi, i pomodorini, la nostra menta, un cucchiaino di prezzemolo sminuzzato, il Feta tagliato a cubetti, un filo d’olio evo, quanto basta di sale e una spruzzata di scorza grattugiata di limone.

Ora non resta che mescolare delicatamente l’insalata e lasciarlaIMG_20130623_120611 riposare un po’ prima di servirla nei piatti, in modo tale che tutti i vari sapori si amalgamino bene.

Non mi resta che augurarvi buon appetito! Spero vi piaccia e vi ispiri magari anche verso modifiche o aggiunte ulteriori. Se poi l’accompagnerete con un buon bicchiere di vino bianco, magari leggermente fruttato, il tutto acquisirà una spinta in più …. :)!!!