6

Blinis di zucca speziati con scamorza affumicata e prosciutto crudo

IMG_20131005_140127Poche parole. I pensieri sono più vorticosi del solito e non posso far finta di niente.

Molte immagini mi scorrono davanti agli occhi, spesso poco piacevoli, quasi cruente. Immagini di cui non oso parlare … la parola è un’arma potente; è vero, verissimo! Però bisogna sapere usare queste parole. Non voglio correre il rischio di essere banale, melodrammatica o cadere in inutili stereotipi o monologhi sterili … come se non se ne sentissero poi abbastanza!

Resto in silenzio, provo quasi vergogna, e così metto la testa tra le braccia. Ormai spesso mi sento in un perenne stato di attesa; in attesa di tante cose, di un cambiamento, di una parola, di un gesto, di un qualunque tipo di reazione. Ma tutto sta davvero tardando molto, troppo. Spero passi la bufera, smetta il mare grosso e questa pioggia malinconica.

Solo la natura mi consola. L’avanzare delle tinte rosse e arancioni, l’aria fresca della sera, la nebbiolina nelle prime ore mattutine e i miei passi, uno dopo l’altro … almeno quello sono sicura non potrà cambiare.

IMG_20131007_073600Ma in fondo non mi basta ancora per sedare questa nuvola che ho in testa. Così tento di portare questi colori caldi con me, dentro la mia cucina, magari con questa prima zucca, … effetto di un sperato contagio.

IMG_20131007_074039E poi alla fine qui sono tranquilla. So che se seguo i passi giusti, con i loro tempi, non posso correre il rischio di fallire clamorosamente, e anche se fosse, sono cosciente del fatto che un margine di recupero è sempre possibile. Mai vi saranno roghi improvvisi, virate repentine o ribaltamenti inaspettati.

A tutto si può porre rimedio, così mi hanno sempre detto; a tutto … a quasi tutto … se sei fortunato!!!

Blinis alla zucca speziati con scamorza affumicata e prosciutto crudo

Ingredienti (per 3-4 persone):

  • 120 gr di polpa di zucca
  • 100 gr di farina di grano integrale
  • 100 ml (circa) di latte intero
  • 1 uovo medio (biologico)
  • 2 gr di lievito in polvere (per torte salate)
  • 1 cucchiaino raso di curcuma
  • 80/100 gr di scamorza affumicata
  • 40 gr di proscittuo crudo toscano (o di altro tipo)
  • q.b di olio evo
  • q.b di sale fino
  • q.b di origano e rosmarino

Come prima cosa fate cuocere la zucca; io l’ho semplicemente cotta a vapore (tagliata a dadini) per circa 20 minuti. Volendo potete anche cuocerla al forno con un filo d’olio a 180° per 30 minuti, o fino a quando non diventa molto morbida. Una volta cotta schiacciatela bene ricavandone un purè e lasciatela raffreddare. In una ciotola unite la farina, il lievito (entrambi setacciati), la curcuma e il sale. Separate poi l’albume dal tuorlo e unite quest’ultimo al latte, in una ciotolina a parte, miscelando prevemente. Unite il tuorlo e il latte sbattuti agli ingredienti secchi e mescolate con cura, aiutandovi con una frusta e avendo cura di non fare grumi. Unite poi alla pastella formatasi il purè di zucca, mescolate ancora e lasciatela riposare per circa 15 minuti. Nel frattempo tagliate la scamorza a fettine sottili, il prosciutto a striscioline e metteteli da parte, pronti per poi farcire i blinis. A questo punto montate l’albume a neve ben ferma e unitelo al composto senza farlo smontare, con movimenti dal basso verso l’alto. Ora prendete una padella abbastanza grande, meglio se antiaderente, mettete un filo d’olio (o una noce di burro)  e accendete la fiamma a fuoco vivace. Con un cucchiaio (o un piccolo mestolo) fate delle frittelline di circa 6/7 cm di diametro e cuocetele circa 2 minuti per lato, fino ad esaurire la pastella. Una volta cotti metteteli su una teglia con carta forno e, tenendo a mente che dovrete fare due strati, adagiate su parte dei blinis (circa i 2/3) una o due fettine di scamorza e poco rosmarino tritato; poi infornate per circa 5/6 minuti a 220°, giusto il tempo che il formaggio inizi a filare. Togliete la teglia dal forno e fate una torretta di blinis alternando gli strati con il prosciutto crudo e terminando con solo il blinis semplice (io ho fatto tre strati, ma voi potete anche farne di più volendo … molto dipende dalla gola!!!). Impiattate i blins e finite con un pizzico di origano e altro rosmarino (il rametto è facoltativo … solo per gurnire il piatto).

IMG_20131005_132755Da servire subito e ben caldi, come ottimo aperitivo o antipasto.

Ps: anche questa volta le foto sono di pessima qualità … ma le fauci fameliche a tavola non mi hanno dato proprio il tempo materiale!!!

Spero vi piacciano e magari la prossima volta farò la versione senza lattosio. A presto allora 🙂

0

…svegliatevi bambine

“… è primavera, svegliatevi bambine, alle cascine messer Aprile fa il rubacuor. E a tarda sera, madonne fiorentine, quante forcine si troveranno sui prati in fior …”

Canticchio tutto il giorno “Mattinata fiorentina“, anzi mi ci sono proprio alzata; scusate, alzi la mano a chi non è mai capitato di svegliarsi avendo in testa una canzone che non sentivate da una vita intera? A me succede spesso, e quando accade non posso farci niente … la devo far “democraticamente” subire a tutti coloro che mi girano intorno.

Beh, magari se provo ad esercitare le mie doti di “psicologia spicciola” posso anche arrivare a capirne il motivo!!! In effetti a ben guardare questo fine settimana è stato il primo e conclamato week-end primaverile  dell’anno, e forse forse saranno stati i tepori del clima, i mille fiori in bella mostra e gli uccellini cinguettanti a esercitare nel mio subconscio certe influenze musicali!!!

In ogni caso (e me ne scuso già in partenza) non potevo proprio restare in casa con giornate simili. Difatti ne abbiamo subito approfittato per fare una camminata nelle colline qui sopra casa, che proprio in questa stagione offrono uno dei periodi migliori per goderne. Va da sé (a dirla tutta anche senza un minimo di rimorso) che il tradizionale pranzo della domenica è stato sacrilegamente boicottato e sostituito con un frugale, quanto mai fulmineo “prendi gli avanzi … mettili in tavola … apri il frigo e vedi che si può fare …ma soprattutto non ti preoccupare se sono già le due meno venti … tanto è domenica … nessuno va di fretta vero?!”.

Quindi per la ricetta di oggi vi propongo un mio, diciamo così, “cavallo IMG_20130414_071856 di battaglia” di facile e veloce esecuzione, sano e sempre molto apprezzato … una fantastica torta di verdure. Mi piacerebbe molto nominarla quiche, che fa molto sofisticato e tanto più gourment, ma non contenendo nessuna traccia di panna o formaggio, commetterei un imperdonabile errore e comunque sempre torta di verdure resta!!! Quindi ecco a voi la ricetta per una super sprint soluzione mettiamo subito qualcosa in tavola!

Torta salata di zucchine, carote e spinaci

IMG_20130413_231016

 Ingredienti:

  • 100 gr farina 0 (o 00)
  • 50 ml di acqua
  • 1 pizzico di sale
  • 6 zucchine (quelle piccole e chiare)
  • 5 carote
  • 1 mazzetto di spinacini
  • 2 cipollotti
  • q.b. sale, curcuma, prezzemolo, menta
  • 2 uova
  • dado vegetale (se possibile biologico o quanto meno senza glutammato)

Premetto già che se non volete fare la pasta, saltando un passaggio e velocizzando maggiormente il tutto, potete benissimo prendere un rotolo di pasta sfoglia pronto che va benissimo comunque, tanto più che in commercio sono ormai in molti a non utilizzare più il burro per questa preparazione. In caso contrario dovete miscelare la farina, l’acqua e il sale (io ho messo anche una punta di curcuma ma è facoltativo) e lavorarli fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo (tenete conto che più lo lavorerete più sarà elastico e malleabile), avvolgete con carta da pellicola e lasciatelo riposare in un luogo fresco per circa 30 minuti. Nel frattempo iniziate a pulire e tagliare la verdura. In qualsiasi tipo di preparazione (che lo consenta ovviamente) amo la verdura tagliata sottilmente e piccola ma ognuno è libero di tagliarla a proprio piacere, basta non troppo grossa se no non cuocerà mai più. Ricordatevi di mettere da parte i fiori di zucca, puliti e liberati dal pistillo. Per rendere il tutto più leggero metto a cuocere tutto a freddo con un filo d’olio, aggiungendo solo dopo una metà di dado sciolto in acqua calda. Una volta cotto il tutto, ci vorranno circa 15 minuti, mettete da parte e fate intiepidire. Accendete il forno a 180°/200°, poi prendete una ciotola abbastanza capiente, sbattetevi le uova, unite sale e le varie erbe aromatiche (precedentemente tritate) e spezie … anche in questo caso libero arbitrio!!! Bene, ora tirate la pasta (metodo carta forno … molto furbo!!!) in uno strato abbastanza sottile, non più di 1 cm, e leggermente più grosso dello stampo che userete (io ne ho usato uno da 26), adagiatela nella teglia con carta forno annessa e bucherellate leggermente il fondo. A questo punto unite le verdure alle uova aggiungendo i fiori di zucca (interi o tagliati a listarelle) e mescolate cercando di amalgamare il tutto. Versate il composto nella teglia, livellatelo e create un piccolo bordo con la pasta in eccesso. Infornate la torta e cuocetela per 30 minuti circa (solitamente procedo con forno statico all’inizio per poi passare al ventilato gli ultimi 10 minuti).

Ed ecco a voi un super gustoso sano piatto, ottimo da servire sia come aperitivo che come seconda portata (magari quando avrete a disposizione più tempo di me).

Ultimissima cosa da precisare: buona servita subito ma … leggermente tiepida tanto meglio!!! 🙂