13

La ciliegia nel sorbetto.

cherry sorbetE se guardo un albero, non gli chiedo soltanto di farmi ombra, e se incontro una persona non mi accontenterò delle solite cerimonie, voglio l’infinito e non mi basta neanche quello, dell’infinito voglio la radice, il luogo in cui inizia, voglio sentire come è cominciata questa infiammazione, questo delirio della materia che chiamiamo vita.

 F. Arminio, Oratorio bizantino

Saranno le ore più piccole del solito, le prime lucciole in mezzo ai campi, le notti passate a scrutare le stelle … scruti le stelle ma in realtà speri sempre di avvistare altro … , sarà che il sale nella pelle ti fa sentire il corpo elettrico e sotto il mare ti senti leggera come una piuma.

Oppure sarà perché lo ritieni giusto, necessario in questo istante, quasi un obbligo; senti di dover aspirare a qualcosa in più … più emozioni, più sogni, più follia, grida, balli vorticosi, giramenti di capo, più contrasti e tinte forti.

to the beachCon qualcuno, l’altra settimana, si commentava: ” …d’estate l’appetito cambia.” … niente di più vero! Ora la mia bocca vuole solo la verità, la verità tramutata in materia, sapori diretti senza fronzoli, che si insinuano direttamente nelle vene. Pasti più semplici del solito ( se possibile per me …), magari preparati nelle fresche notti per il mattino seguente, odori che ti raccontano tutta la storia del Mediterraneo, colori accecanti, quasi commoventi nella loro minuscola perfezione.

Mani che raccolgono doni della terra in ogni dove e da tutte le direzioni; ogni tanto devi abbassare la schiena, talvolta alzare le punte dei piedi, spesso allungare le braccia fin quasi a sentirle staccare dal tuo corpo. Ma alla fine, l’ultimo gesto resta quasi sempre lo stesso, una passata sotto il getto d’acqua e dritto verso le mie labbra.

Capita, però, anche di voler appagare di più i sensi, render ancora più amabile qualcosa che già lo è naturalmente di suo … basta aggiungere qualche foglia verde e profumata, una punta di dolce, aspettare che il freddo giochi a tuo favore … e il gioco è fatto. Nulla si è perso … e alla radice ci sei rimasta aggrappata ben stretta!

cherry Sorbetto di ciliegie alla menta

Ingredienti (per 800 gr circa di prodotto finto):

  • 400 gr di ciliegie mature (dall’albero o da provenienza certa e sicura)
  • 130 gr di zucchero di canna ( ho usato quello chiaro per non alterare troppo il colore)
  • 200 ml di acqua
  • 3-4 foglie di menta fresca (potete anche aumentare se volete un sapore di menta più forte)

Iniziate preparando lo sciroppo. In un pentolino dal fondo pesante mettete l’acqua e lo zucchero, fate bollire a fuoco dolce, senza mescolare, fino a che quest’ultimo non sia sciolto del tutto, poi togliete dal fuoco, aggiungete le foglie di menta e lasciate in infusione per circa 10 minuti. Nel frattempo lavate, asciugate e snocciolate le ciliegie ( mi raccomando conservate sia i piccioli che i noccioli, da cui potrete ricavare rispettivamente infusi diuretici e fantastici cuscini utili ad alleviare dolori articolatori ). Con un mestolo forato togliete la menta dallo sciroppo, aggiungete le ciliegie e, con un frullatore ad immersione, riducete il tutto in crema. Fate raffreddare il composto prima di trasferirlo nella gelatiera, azionatela secondo istruzioni e aspettate la consistenza desiderata ( nonostante la foto … fatta subito dopo averlo tolto dal freezer e senza poter aspettare … vi giuro che risulterà molto cremoso!!! ). Nel caso non abbiate una gelatiera basterà trasferire il composto in un contenitore basso e largo (meglio se di metallo), metterlo in freezer per almeno 6 ore e mescolarlo bene ogni 30 minuti circa.

Una volta pronto basterà tirarlo fuori pochi minuti prima di consumarlo, aggiungere magari qualche fogliolina di menta, servirlo e mangiarlo!!!

Annunci
2

Da una vasca di menta a un’insalata di miglio

IMG_20130614_073753Confesso! L’ultima volta che sono stata a casa non mi sono limitata a fare scorta di pesce ma ho anche fatto incetta (entro i limiti consentiti) di erbe aromatiche, soprattutto di menta!

Dovete sapere che se ci si sporge dalla finestra della camera in questi mesi si può non solo godere di un bellissimo panorama in cui svettano le Alpi Apuane, ma si è anche pervasi da un profumo inebriante e frizzantino di menta. Infatti proprio li sotto, nell’angolo del giardino, è posta una grande vasca in marmo dove, con il passare del tempo, è cresciuto rigoglioso e predominante su tutte le altre piante un bellissimo, ormai “cespuglio” di suddetta pianta.

Ed IMG_20130613_132405io una volta aperte le persiane, per ammirare le prime luci del giorno (uno dei pochi lati positivi dell’alzarsi all’alba …), sono stata ammaliata da tale aroma e … non ho saputo resistere alla tentazione (a pensarci bene, in effetti, è un po’ che la forza di volontà mi fa brutti scherzi …) !!! Praticamente ne ho portato con me un sacchetto pieno 🙂

Naturalmente una volta rientrata in Toscana ho iniziato a metterla un po’ ovunque, tè freddi, verdure, dolci e insalate varie tra cui quella che vi descriverò a breve. In realtà non ero sicura da subito di voler condividere questo piatto, anche perché come al solito l’ho fatto d’impulso e con gli ingredienti che avevo in casa, ma poi, una volta assaggiato mi è sembrato doveroso! Una insalata di miglio forse non particolarmente originale ma sicuramente estiva, buonissima (ovvio, dovete amare la menta, altrimenti potete anche abbandonare l’idea di realizzare questo piatto …) e con un aroma super rinfrescante.

Premetto che tra gli ingredienti vi è anche del formaggio, opzione per in non allergici della casa!!! Nel mio piatto ovviamente tale presenza era esclusa ma, assicuro tutti i miei compagni allergici che il sapore era fantastico comunque!

Insalata di miglio al profumo di menta

IMG_20130623_120248Ingredienti (per 2-3 persone):

  • 80 gr di miglio (possibilmente biologico)
  • 160 ml acqua
  • 10 asparagi puliti e mondati (decisamente gli ultimi della stagione)
  • 10 (circa) pomodorini confit (home made 🙂 )
  • 1 cipollina di Tropea
  • q.b di formaggio Feta greco
  • 6-7 foglie di menta fresca
  • q.b di sale, olio evo e prezzemolo
  • q.b di scorza di limone

Iniziate con il preparare il miglio. Dopo averlo sciacquato con cura mettetelo a tostare per qualche minuto con un filo d’olio in una pentola, o padella, antiaderente. Una volta tostato aggiungete l’acqua, salate e lasciatelo cuocere coperto per 15-20 a fuoco basso senza mai mescolare. Quando sarà cotto sgranatelo con una forchetta, o cucchiaio di legno, mettetelo in una ciotola e lasciatelo raffreddare. Nel frattempo sbianchite gli asparagi; metteteli a cuocere, già tagliati, per circa 7 minuti in acqua bollente salata (devono restare abbastanza croccantini), dopodiché scolateli e passateli subito in acqua fredda (ciò permetterà di mantenere un bel verde brillante). A questo punto resta solo da tagliare la cipolla a rondelle sottili, sminuzzare le foglioline di mente e comporre il piatto. Molto semplicemente mescolate in una ciotola tutti i vari ingredienti: il miglio, gli asparagi, i pomodorini, la nostra menta, un cucchiaino di prezzemolo sminuzzato, il Feta tagliato a cubetti, un filo d’olio evo, quanto basta di sale e una spruzzata di scorza grattugiata di limone.

Ora non resta che mescolare delicatamente l’insalata e lasciarlaIMG_20130623_120611 riposare un po’ prima di servirla nei piatti, in modo tale che tutti i vari sapori si amalgamino bene.

Non mi resta che augurarvi buon appetito! Spero vi piaccia e vi ispiri magari anche verso modifiche o aggiunte ulteriori. Se poi l’accompagnerete con un buon bicchiere di vino bianco, magari leggermente fruttato, il tutto acquisirà una spinta in più …. :)!!!