2

Da una vasca di menta a un’insalata di miglio

IMG_20130614_073753Confesso! L’ultima volta che sono stata a casa non mi sono limitata a fare scorta di pesce ma ho anche fatto incetta (entro i limiti consentiti) di erbe aromatiche, soprattutto di menta!

Dovete sapere che se ci si sporge dalla finestra della camera in questi mesi si può non solo godere di un bellissimo panorama in cui svettano le Alpi Apuane, ma si è anche pervasi da un profumo inebriante e frizzantino di menta. Infatti proprio li sotto, nell’angolo del giardino, è posta una grande vasca in marmo dove, con il passare del tempo, è cresciuto rigoglioso e predominante su tutte le altre piante un bellissimo, ormai “cespuglio” di suddetta pianta.

Ed IMG_20130613_132405io una volta aperte le persiane, per ammirare le prime luci del giorno (uno dei pochi lati positivi dell’alzarsi all’alba …), sono stata ammaliata da tale aroma e … non ho saputo resistere alla tentazione (a pensarci bene, in effetti, è un po’ che la forza di volontà mi fa brutti scherzi …) !!! Praticamente ne ho portato con me un sacchetto pieno 🙂

Naturalmente una volta rientrata in Toscana ho iniziato a metterla un po’ ovunque, tè freddi, verdure, dolci e insalate varie tra cui quella che vi descriverò a breve. In realtà non ero sicura da subito di voler condividere questo piatto, anche perché come al solito l’ho fatto d’impulso e con gli ingredienti che avevo in casa, ma poi, una volta assaggiato mi è sembrato doveroso! Una insalata di miglio forse non particolarmente originale ma sicuramente estiva, buonissima (ovvio, dovete amare la menta, altrimenti potete anche abbandonare l’idea di realizzare questo piatto …) e con un aroma super rinfrescante.

Premetto che tra gli ingredienti vi è anche del formaggio, opzione per in non allergici della casa!!! Nel mio piatto ovviamente tale presenza era esclusa ma, assicuro tutti i miei compagni allergici che il sapore era fantastico comunque!

Insalata di miglio al profumo di menta

IMG_20130623_120248Ingredienti (per 2-3 persone):

  • 80 gr di miglio (possibilmente biologico)
  • 160 ml acqua
  • 10 asparagi puliti e mondati (decisamente gli ultimi della stagione)
  • 10 (circa) pomodorini confit (home made 🙂 )
  • 1 cipollina di Tropea
  • q.b di formaggio Feta greco
  • 6-7 foglie di menta fresca
  • q.b di sale, olio evo e prezzemolo
  • q.b di scorza di limone

Iniziate con il preparare il miglio. Dopo averlo sciacquato con cura mettetelo a tostare per qualche minuto con un filo d’olio in una pentola, o padella, antiaderente. Una volta tostato aggiungete l’acqua, salate e lasciatelo cuocere coperto per 15-20 a fuoco basso senza mai mescolare. Quando sarà cotto sgranatelo con una forchetta, o cucchiaio di legno, mettetelo in una ciotola e lasciatelo raffreddare. Nel frattempo sbianchite gli asparagi; metteteli a cuocere, già tagliati, per circa 7 minuti in acqua bollente salata (devono restare abbastanza croccantini), dopodiché scolateli e passateli subito in acqua fredda (ciò permetterà di mantenere un bel verde brillante). A questo punto resta solo da tagliare la cipolla a rondelle sottili, sminuzzare le foglioline di mente e comporre il piatto. Molto semplicemente mescolate in una ciotola tutti i vari ingredienti: il miglio, gli asparagi, i pomodorini, la nostra menta, un cucchiaino di prezzemolo sminuzzato, il Feta tagliato a cubetti, un filo d’olio evo, quanto basta di sale e una spruzzata di scorza grattugiata di limone.

Ora non resta che mescolare delicatamente l’insalata e lasciarlaIMG_20130623_120611 riposare un po’ prima di servirla nei piatti, in modo tale che tutti i vari sapori si amalgamino bene.

Non mi resta che augurarvi buon appetito! Spero vi piaccia e vi ispiri magari anche verso modifiche o aggiunte ulteriori. Se poi l’accompagnerete con un buon bicchiere di vino bianco, magari leggermente fruttato, il tutto acquisirà una spinta in più …. :)!!!

0

…quando si dice testa dura

IMG_20130421_141436Tutto nasce dal fatto che avevo voglia di polpette.

Tranquillizzo i maliziosi e stoppo i voli pindarici, non sono assolutamente in stato interessante!!! Solo che talvolta le mie papille gustative reclamano dei gusti ben precisi o magari gusti che evocano ricordi precisi. E poi a dire il vero questa volta mi è andata anche bene, perché solitamente desidererei mangiare tutto ciò che per me è “off-limits” (una fantastica pizza con la mozzarella di bufala per esempio …) o vivamente sconsigliato. Quindi le polpette sono più che abbordabili per il mio flebile stomachino!!! Però, perché un però ci deve sempre essere, peccato che non disponga né di patate, né di carne (a dirla tutta non le amo particolarmente in questo modo), né di uova … insomma tutto ciò con cui i comuni mortali fanno le tradizionali polpette. E non voglio nemmeno andare a comprare niente visto che mi assenterò da casa per un po’ di giorni e non ho intenzione di viaggiare con le polpette avanzate, tipo sacchetto picnic ( e poi ormai è diventata una sfida tra me e le polpette infattibili).

Ma alla fine, dopo sguardi attenti tra gli scomparti della mia cucina, IMG_20130421_100340trovo la soluzione nel sacchetto di miglio acquistato poco tempo fa. Dovete sapere infatti che il miglio oltre a essere uno dei cereali più antichi presenti nell’alimentazione umana e ricchissimo di proprietà (inoltre privo di glutine quindi indicato ai celiaci)  ha anche un notevole potere addensante, una volta cotto. E questo ne fa un’ottima base per realizzare focacce, torte e …crocchette. Indi per cui risolto l’enigma:

Polpettine di miglio e zucchine

Ingredienti (dose per 2 persone):

  • 200 gr di zucchine chiare
  • 120 gr di miglio
  • 150 ml di brodo vegetale
  • 1 cipollotto ( o scalogno)
  • semi di sesamo
  • q.b. di sale, olio (e.v.o.), menta, prezzemolo

Ho tostato il miglio in una pentola (antiaderente meglio) per pochi minuti a fuoco medio, mescolando sempre per avere un risultato uniforme, subito dopo ho versato il brodo, portato a bollore, e cotto con coperchio per 15-20 minuti a fuoco molto lento, in modo tale che tutto il liquido venisse assorbito, cercando di mescolare il meno possibile. Nel frattempo in una padella ho messo l’olio e il cipollotto precedentemente tritato, fatto leggermente imbiondire e unito le zucchine ( ho usato una grattugia a fori grossi ma voi potete anche tagliarle al coltello, basta che siano pezzetti molti piccoli). Dopo pochi minuti ho aggiunto un pizzico di sale, qualche fogliolina di menta e proseguito la cottura per altri 15 minuti (se serve aggiungete un goccio d’acqua per non farle attaccare). Cotto il miglio, in una boule a parte, l’ho unito alle zucchine, prezzemolo, aggiustato di sale e lasciato intiepidire. Passati pochi minuti, con mani inumidite (altrimenti vedrai che pasticcio), ho iniziato a formare le mie crocchette leggermente schiacciate e cosparse di sesamo. Infine le ho trasferite su una teglia coperta con carta forno e cotte a 180° per una mezz’oretta (comunque fino a doratura).IMG_20130421_141326

Et voilà una risultato eccellente, compatte e soffici nello stesso tempo; anzi penso che inizierò a sperimentarlo anche con altre verdure. Io le ho fatte come secondo ma, potrebbero essere adatte anche per un aperitivo o buffet. In ogni caso sfida vinta!

PS: impiattamento stile anni ’80 … ma alla fine le polpette in sé sono un po’ anni ’80 🙂